Timorasso

Timorasso

Timorasso -vitigni vari-

Il Timorasso non è vitigno facile, non è neanche un vitigno noto al grande pubblico, o di grande diffusione, ma è senz’altro un vitigno molto intrigante ed interessate, ma sopratutto sa dare vini entusiasmanti ed unici.È un vitigno autoctono a bacca bianca, diffuso prevalentemente nel Tortonese, ha avuto vicende varie, e molto lunghe, dopo dei momenti di gloria nel medioevo, tanto da essere citato già in una delle prime enciclopedie agricole, che ne descrive la diffusione in Piemonte, sempre grazie alla ricostruzione storica dei registri, si sa che nel periodo tra le due guerre, è uno dei vitigni più diffusi, nel secondo dopoguerra la sua diffusione diminuisce piano, fino quasi a sparire, fino alla fine degli anni 80, sul finire del secolo, un gruppo di viticultori, inizia a valorizzare nuovamente questa grande uva per arrivare a produrre vini di alta qualità.
Pur essendo un vitigno antico, è entrato solo di recente in una DOC, Colli Tornonesi, questo lo si deve all’impegno di alcuni coraggiosi viticultori, guidati da Walter Massa, che in questa pagina, ne fa una lunga disanima.
Il vino che se ne ottiene, ha solitamente una buona acidità, ma comunque non elevata, spicca invece la sapidità, ed una discreta predisposizione all’invecchiamento, ed anzi è proprio attendendo il tempo necessario che esprime il meglio di se stesso.

Con il timorasso, viene prodotta anche un ottima birra IGA, di cui parlo in questo articolo.

Per saperne di più sull’uva, puoi visitare il sito dedicato a questa uva.

Fonte principale

Timorasso

Informazioni su Ganimede Coppiere

Mi firmo con un nome antico, che mi identifica da molti punti di vista, sotto il quale non mi celo ma rivelo. Amministro questo blog, che non ha pretese, ma cerca solo di raccontare esperienze personali di carattere sensoriale, oltre a dare, spero, strumenti utili agli appassionati del vino. Il mondo del vino è assai variegato, è un mondo che ti cattura, ti affascina, ed ovviamente ti inebria. Se vuoi scrivi direttamente a info@guida.wine
Questa voce è stata pubblicata in articoli vari, vitigni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.