Nero di seppia Prato. Ristorante esclusivo

Nero di seppia, ristorante esclusivo

Nero di Seppia

Nero di seppia, ristorante esclusivo

Non sono avvezzo a scriver recensioni di ristoranti, ma quando un ristorante si distingue non resisto.
Il Nero di seppia, non è un ristorante qualsiasi, anzi quasi non è un ristorante, ma un piccolo scrigno del buon gusto.Il buon gusto, non solo nel piatto, ma anche nell’arredo, nella scelta del menù, della carta dei vini, e di ogni dettaglio.

Attenzione, è gradita (ed aggiungo consigliata) la prenotazione al numero 0574 605093

Il ristorante si trova a Prato, a due passi da una delle principali piazze.

I ricci di mare, presenti solo quando il mercato offre il meglio

Che sia un ristorante fuori dal comune, lo si capisce subito, come in un club esclusivo newyorchese, si deve suonare per essere accolti.
Solo questo da la sensazione di entrare a casa di un caro amico, sensazione confermata da un accoglienza, gentile, e cortese, ma non leziosa e stucchevole.
I quasi 200 metri del locale, sono sfruttati con appena 20 coperti o poco più.
Tavoli ben distanziati per una cena intima, in un atmosfera con richiami d’epoca.
È la cura dei dettagli, che fa la differenza, e sprigiona il calore accogliente.
Tappeti persiani, argenteria anni 30, illuminazione soffusa, da lampade a parete e abat-jour, di grande eleganza .
Questo è l’ambiente in cui sarete guidati, dall’istrionico Luigi, padrone di casa, e guida nei suoi piatti.

La cucina.

nero di seppia ristorante esclusivo

Il migliore crudo di pesce tra Firenze e Prato

È difficile descrivere le sensazioni gustative, perché sono legate a momenti emozionali veri e propri.
La cucina è basata su una “elaborata semplicità”, piatti di pesce principalmente, tartare ed altri crudi, la fanno da padrone.
Non è tuttavia un ristorante che segue una moda, ma che consolida delle tradizioni.
La Chef Silvana, è una vera maestra del pesce, piatti con ingredienti di prima qualità, che sa far sposare tra di loro, in modo che definirei sinfonico.
Forse è questa la parola chiave, sinfonica, Luigi e Silvana sanno far suonare all’unisono, piatti, ingredienti, ambiente e le richieste del cliente.
Inutile dire, che la scelta della materie prime, è talmente certosina ed oculata, che rischiate di non trovare un piatto, se quella mattina il fornitore non ha la qualità appropriata.
Non solo crudi comunque, o comunque non solo crudi messi nel piatto, ma anche accostamenti coraggiosi e stuzzicanti.

La carta dei vini.

Se avete letto questo articolo, sapete cosa penso delle carte dei vini.
Qui non rimarrete delusi, una scelta attenta sulle migliori denominazioni internazionali, quasi banditi i vini commerciali, che si trovano nella GDO.
Potete spaziare da giovani vini, a vini strutturati, mai banali e mai scontati.
I vini sono perfettamente integrati con il menù e l’ambiente dove vi trovate.

La cantina del ristorante, permette una perfetta conservazione degli stessi, vini bianchi invecchiati che sanno dare il meglio di se con i piatti.
Tra gli altri trovate La Bora di Kante, un vino decisamente particolare, che grazie alla maestria di questo grande produttore, saprà sposarsi con le ostriche, in un matrimonio unico.

Il servizio.

Giusto due parole sul servizio, che è impeccabile, cortese,  fatto a dovere, ma non è mai invasivo.
Nulla è lasciato al caso, il vino, l’acqua, tutto viene gentilmente servito, senza mai eccedere in quei servizi che diventano invadenti.
Luigi e la sua squadra, sono sempre pronti a darvi le spiegazioni giuste, al momento giusto, lasciando il vostro spazio libero da presenze ingombranti.

Visita anche la pagina facebook del locale.

ristorante esclusivo

Informazioni su Ganimede Coppiere

Mi firmo con un nome antico, che mi identifica da molti punti di vista, sotto il quale non mi celo ma rivelo. Amministro questo blog, che non ha pretese, ma cerca solo di raccontare esperienze personali di carattere sensoriale, oltre a dare, spero, strumenti utili agli appassionati del vino. Il mondo del vino è assai variegato, è un mondo che ti cattura, ti affascina, ed ovviamente ti inebria. Se vuoi scrivi direttamente a info@guida.wine
Questa voce è stata pubblicata in luoghi, Mangiare e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.