Chianti Classico e Chianti. 2 DOCG

Chianti
logo chianti

Il Logo del Chianti Classico

I chianti sono tanti “milioni di milioni” verrebbe da dire.
Parlare in modo sintetico dei Chianti è infatti impresa ardua, per non dire impossibile.
In questo post cercherò prevalentemente di riassumere i dati tecnici e le caratteristiche generali.
Guarda anche il video, con le principali differenze tra Chianti Classico e Chianti.

Il Chianti Classico.
La zona di produzione è regolamentata fin dal dal luglio del 1932, che per primo pose dei limiti a questa denominazione, non solo geografici, ma anche con un’embrione di disciplinare, che molto si distingue dall’ultimo che è del 2014.
La zona si estende tra le provincie di Firenze e Siena:
Leggi il disciplinare di produzione

Può essere prodotto negli interi comuni di: Castellina in Chianti, Radda in Chianti, Gaiole in Chianti, Greve in Chianti.
Può altresì essere prodotto in parte dei comuni di: San Casciano in Val di Pesa, Barberino Val d’Elsa, Tavarnelle Val di Pesa, Castelnuovo Berardenga e una piccolissima parte di quello di Poggibonsi.

Il vitigno prevalente è il Sangiovese (minomo 80%).
Si possono usare altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione nella regione Toscana.
La resa per ettaro è max 7,5 tonnelate, l’affinamento minimo è di 11 mesi, che sale a 26 per il riserva.
Il titolo alcolemico è pari a 12% che sale a 12,5% per il riserva.

Negli anni il gusto dei C. è cambiato e si è adattato ai gusti e le tendenze, anche se ha sempre mantenuto la sua identità, rimane comunque un vino che tendenzialmente ha un buon tannino, e delle classiche note di frutti maturi, spezie dolci e fiori come viola ed iris, la sua tipicità è chiudere al gusto con un leggero amaricante.

-Leggi anche- Chianti Classico Buondonno

Chianti:

mappa chianti

Chianti le sottozone. Mappa indicativa

Il C. che non rientra nella zona classica è stato disciplinato nel 1996, e comprende molte sottozone. Ogni zona con identità e metodi di lavorazione che possono differire anche di molto.
Ad eccezione delle province di Grosseto, Livorno e di Massa e Carrara, lo si può produrre in tutte le altre province toscane.
Consulta il disciplinare di produzione


Deve essere prodotto con un minimo del 70% di uve Sangiovese, ma sono ammesse anche uve a bacca nera, regolate dai singoli disciplinari in percentuali massime prederminate, fino al 2015 per il C. colli senesi erano ammesse anche uve tradizionali a bacca bianca, come il trebbiano toscano, e la malvasia lunga.
Il titolo alcolemico minimo differisce in base alle sottozone, ma varia dal 11,5% al 12% per la versione base e dal 12,5% al 13% per i riserva e superiore, l’affinamento varia invece da 4 mesi ai 26, sempre in base alle sottozone e alla tipologia.

Nella versione base non è troppo predisposto all’invecchiamento, si parla di 2 3 anni.
Nella versione riserva regge meglio l’invecchiamento, anche se non arriva agli anni del Classico.

A differenza del suo fratello maggiore, le zone così ampie non permettono una generalizzazione precisa.
Certamente il Chianti rispetto al Chianti Classico, presenta tannini meno aggressivi, un frutto meno deciso e maturo tal volta tendente alla ciliegia marasca.
Si evidenziano spesso note di sottobosco, che può diventare un elemento di riconoscimento.

Come già evidenziato queste sono descrizione generiche, ogni produttore ed ogni zona, in Toscana fa storia a se.
Del resto il campanilismo toscano è noto, e si estrinseca anche nel carattere dei vini.

-Aggiornamento-
È prevista una modifica al disciplinare del Chianti DOCG, ancora da approvare.
Vedi la notizia: Imbottigliamento

Informazioni su Ganimede Coppiere

Mi firmo con un nome antico, che mi identifica da molti punti di vista, sotto il quale non mi celo ma rivelo. Amministro questo blog, che non ha pretese, ma cerca solo di raccontare esperienze personali di carattere sensoriale, oltre a dare, spero, strumenti utili agli appassionati del vino. Il mondo del vino è assai variegato, è un mondo che ti cattura, ti affascina, ed ovviamente ti inebria. Se vuoi scrivi direttamente a info@guida.wine
Questa voce è stata pubblicata in Centro Italia, DOC e DOCG Dettagli, Utilità, vini italiani e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.