Cannonau di Sardegna DOC dalla forte identità

Cannonau

cannonau mappa

Cannonau, mappa indicativa delle sottozone di produzione

Il Cannonau di Sardegna è un vino DOC, della regione regione Sardegna, disciplinato dal presente disciplinare.
Sono previste le versioni Rosso, Rosato, Rosso Riserva, Passito, Liquoroso, Classico.

La menzione Classico è consentita solo nelle zone Nuoro ed Ogliastra.

La sottozona Nepente di Oliena, o semplicemente Oliena comprende il territorio comunale Oliena e in parte di quello di Orgosolo.
La sottozona di Capo Ferrato comprende i territori comunali di Castiadas, Muravera, San Vito, Villaputzu e Villasimius.
La sottozana Jerzu comprende i territori comunali di Jerzu e di Cardedu.

Uve

Le uve con cui è prodotto il vino è l’Alicante, qui detto Cannonau che ne è un biotipo, in proporzione minima del 90% per la versione Classico e 85% nella versione normale. (Secondo studi recenti, ancora non presenti sul sito del ministero delle politiche agricole, il Cannonau sarebbe in realtà una diversa varietà, e non un biotipo di Alicante)
Possono concorre altre uve a bacca nera, da sole o congiuntamente nella misura massima del 10% o 15%, raccomandate o autorizzati dalla regione Sardegna, sono esclusi vitigni aromatici.

Sono vietate le pratiche di forzatura, ma è ammessa l’irrigazione di soccorso, non è ammesso il sistema di allevamento a tendone.
Per i nuovi impianti e per i reimpianti la densità minima è di 3.500 ceppi ad ettaro, la resa massima è di 11 tonnellate, che scende a 9 per la versione classico.

Vinificazione

Le operazioni di vinificazione, devono avvenire nelle stesse zone e sottozone di produzione.
Le operazioni di invecchiamento ed imbottigliamento possono avvenire all’interno della regione Sardegna, salvo che quelle con la denominazione di sottozona, che devono avvenire nei rispettivi territori.
È consentito aumentare la gradazione alcolica, solo in anni particolarmente sfavorevoli, con apposito decreto.
La resa massima di uva in vino non deve superare il 70% per le tutte le versione, ad eccezione della versione passito, che deve essere massimo del 55%.
Possono essere messi al consumo a partire dal 1° aprile dell’anno successivo alla vendemmia, per il rosso, mentre per il rosato può essere immesso al consumo dal 1° gennaio dell’anno successivo alla vendemmia.
La versione riserva, deve avere subito almeno 2 anni di invecchiamento, calcolati a partire dal 1° novembre dell’anno della vendemmia di cui almeno 6 mesi in botti di legno.
La versione Classico deve aver subito almeno 2 anni di invecchiamento, calcolati dal 1° novembre dell’anno della vendemmia, di cui almeno 12 mesi in botti di legno.
La versione passito, può essere messa al consumo a partire dal primo novembre dell’anno successivo alla vendemmia.
La versione liquoroso, può essere messa sul mercato dal 1° novembre dell’anno successivo alla vendemmia, e deve aver passato almeno 6 mesi in botti di legno.

Caratteristiche al consumo: (da disciplinare).

“Cannonau di Sardegna” Rosso: – colore: rosso rubino più o meno intenso, – odore: gradevole, caratteristico; – sapore: sapido, caratteristico; – titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50%; – acidità totale minima: 4,5 g/l; – estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l.

“Cannonau di Sardegna” Rosato: – colore: rosa più o meno intenso; – odore: gradevole, caratteristico; – sapore: sapido, caratteristico; – titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50%; – acidità totale minima: 4,5 g/l; – estratto non riduttore minimo: 18,0 g/l.

“Cannonau di Sardegna” Rosso Riserva: – colore: rosso rubino, tendente al granato con l’invecchiamento; – odore: gradevole, caratteristico; – sapore: sapido, caratteristico; – titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00%; – acidità totale minima: 4,5 g/l; – estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.

“Cannonau di Sardegna” Classico: – colore: rosso rubino, tendente al granato con l’invecchiamento; – odore: gradevole, caratteristico; – sapore: sapido, caratteristico delle uve di provenienza; – titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,50%; – acidità totale minima: 4,5 g/l; – estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.

“Cannonau di Sardegna” Passito: – colore: rosso rubino più o meno intenso; – odore: intenso, etereo; – sapore: dolce, pieno; 5 – titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15,00% di cui effettivo minimo 13,00% – zuccheri residui: minimo 50,0 g/l; – acidità totale minima: 4,0 g/l; – estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

“Cannonau di Sardegna” Liquoroso: – colore: rosso tendente al granato con l’invecchiamento; – odore: intenso, etereo; – sapore: dal secco al dolce, pieno, armonico; – titolo alcolometrico volumico effettivo minimo: 18,00% per il tipo “secco” e 16,00 % per il tipo “dolce”; – zuccheri riduttori: massimo 10,0 g/l per il tipo “secco” e minimo 50,0 g/l per il tipo “dolce”; – acidità totale minima: 4,0 g/l; – estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;

 


Leggi anche le specifiche sul vitigno.

vedi l’elenco delle DOC e DOCG della Sardegna


 

Informazioni su Ganimede Coppiere

Mi firmo con un nome antico, che mi identifica da molti punti di vista, sotto il quale non mi celo ma rivelo. Amministro questo blog, che non ha pretese, ma cerca solo di raccontare esperienze personali di carattere sensoriale, oltre a dare, spero, strumenti utili agli appassionati del vino. Il mondo del vino è assai variegato, è un mondo che ti cattura, ti affascina, ed ovviamente ti inebria. Se vuoi scrivi direttamente a info@guida.wine
Questa voce è stata pubblicata in Centro Italia, DOC e DOCG Dettagli, Utilità, vini italiani e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.