Aleatico passito dell’Elba

Aleatico Passito
In questo post sono presenti note tecniche sul vino, non sono presenti note di degustazione, o caratteristiche, se non quelle riportate nel disciplinare.

aleatico passito

Aleatico Passito -Logo-

Elba Aleatico passito, o Aleatico Passito Dell’Elba, è un vino DOCG approvato come DOC nel 1967 e come DOCG nel 2011, l’ultima modifica al disciplinare è del novembre del 2011, disciplinato dal presente disciplinare.È un vino passito, prodotto esclusivamente con uve Aleatico, provenienti da vigneti siti nei territori comunale, dei comuni dell’isola D’Elba, i ceppi per ettaro delle viti devono essere minimo 5.000, sono vietate tutte le pratiche di forzatura, ad eccezione dell’irrigazione di soccorso, la produzione massima per ettaro è di 7 tonnellate, mentre quella per ceppo è di 1,8kg, in annate eccezionali, se viene superato questo limite deve essere effettuata una cernita dell’uva, e le eccedenza non hanno diritto alla DOCG.

Aleatico Passito: Vinificazione.

Tutte le operazioni di vinificazione, appassimento, vinificazione, affinamento, ed imbottigliamento devono essere effettuate nei comune dell’isola D’Elba, non è ammesso il trasporto in mare del vino sfuso, operazione che potrebbe comprometterne le caratteristiche organolettiche, sono fatti salvi i diritti acquisiti a determinate condizioni previste da un decreto legislativo (61/2010).
La resa massima dell’uva in vino è del 35% con riferimento all’uva fresca.
L’appassimento delle uve deve avere una durata minima di 10 giorni, all’aria aperta o in locali idonei, dove è ammessa anche l’uso di aria ventilata e deumidificatori, si devo comunque raggiungere un grado zuccherino minimo del 30%.
Il vino può essere messo in consumo dal 1 marzo successivo all’anno della produzione delle uve.

Caratteristiche da disciplinare.

Colore: rosso rubino carico, talvolta con riflessi violacei e tendente al granato con l’invecchiamento.
Odore: intenso, caratteristico; sapore: dolce, di corpo, armonico.
Titolo alcolometrico totale minimo: 19,00% di cui almeno 12,00% svolto.
Acidità totale minima: 6,0 g/l.
Estratto non riduttore minimo: 35,0 g/l.

Leggi anche, gli altri vini DOCG e DOC riportati in questa categoria.

Per approfondire i vini dell’Isola D’Elba consiglio:

Informazioni su Ganimede Coppiere

Mi firmo con un nome antico, che mi identifica da molti punti di vista, sotto il quale non mi celo ma rivelo. Amministro questo blog, che non ha pretese, ma cerca solo di raccontare esperienze personali di carattere sensoriale, oltre a dare, spero, strumenti utili agli appassionati del vino. Il mondo del vino è assai variegato, è un mondo che ti cattura, ti affascina, ed ovviamente ti inebria. Se vuoi scrivi direttamente a info@guida.wine
Questa voce è stata pubblicata in DOC e DOCG Dettagli, passiti, vini italiani, Vini speciali e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.